8 marzo 2019: Cara figlia ti scrivo

Figlia mia, oggi è l’8 marzo, oggi è la giornata internazionale della donna.
In realtà a te non è ancora chiarissimo il concetto uomo/donna, non vedi differenze tra i due e ne sono orgogliosa perché vorrei tu continuassi così a non vedere diversità tra le persone considerandole tutte unicamente come essere i umani.
Perché è importante questa giornata figlia mia?
Per tantissimi motivi.
Primo tra i quali il fatto che nel 2019 la vita di una donna è ancora più difficile di quella di un uomo.
Questa è la verità figlia mia.
Una donna anche se studia, anche se ha due lauree, anche se è più brava, più preparata guadagna meno di un uomo e se occupa una posizione più alta rispetto a quella di un uomo deve ancora scontrarsi con i vari :”l’avrà data al capo”
Una donna deve ancora avere paura ad uscire sola la sera, paura di prendere i mezzi pubblici, deve cercare di non vestirsi in maniera troppo vistosa altrimenti se l’è cercata.
Una donna è ancora costretta a subire battutine, ammiccamenti, provocazioni.
Una donna non è libera di vivere la sua sessualità perché altrimenti viene ancora additata come una Facile, una Puttana.
Una donna non è ancora libera di scegliere di non avere figli perché altrimenti viene guardata come una poveretta, una zitella, una che ha qualche problema.
Una donna non è ancora libera di essere madre e lavoratrice perché ancora non sono distribuiti equamente gli impegni tra padre e madre ancora non esiste uns parità di trattamento, una  cogenitorialità, la cura di un figlio uguale per entrambi i genitori, una vera uguaglianza di genere nelle carriere professionali.
Una donna viene ancora vista come l’angelo del focolare, una mamma come quella che per sua stessa natura deve cucinare e stirare mentre il papà si o cupa di cose più importanti come leggere o lavorare.
Ebbene sì figlia mia questo è scritto in un libro di grammatica delle elementari nel 2019, tu due giorni compirai due anni, le elementari sono ancora lontane per fortuna
altrimenti andresti in crisi, visto che io non ho mai stirato in vita mia anzi credo che se mi vedessi con in mano un ferro da stiro rimarresti incantata da quel strano oggetto venuto dallo spazio.
Non è certo un vanto ma ancor di più non è certo un problema perché faccio tante altre mille cose per me ben più creative e stimolanti.
Io per prima ho avuto una mamma che cucinava, stirava male, lavorava tantissimo, leggeva, parlava di politica e di diritti e un papà che lavava i piatti, passava l’aspirapolvere, mi accompagnava a scuola, faceva la spesa, lavorava e leggeva molto.
Ho avuto la fortuna di avere un papà, il tuo amato nonno Walter a cui sarebbe piaciuto io diventassi Pilota d’aereo, per questo non ho mai pensato esistessero lavori da uomini o da donne.
È importante l’8 marzo perché ancora viene   fatto intendere ai bambini che le femmine dovrebbero fare le ballerine, le infermiere, le mammine…
Una donna si vede ancora assegnare ruoli diversi da un uomo nella vita quotidiana, così si continuano a creare stereotipi di genere che poi diventano pregiudizi radicati. 
E lo si fa ancora con i bambini.
Anche sui giochi, giochi da maschio è giochi da femmina.
Bambina mia tu puoi giocare con tutto quello che vuoi.
Tu, figlia mia puoi essere e fare tutto quello che vuoi.
Puoi diventare un pilota, un’ astronauta, un  muratore, una casalinga, una lottatrice, un aviatore, un’infermiera, un notaio, una scienziata, una grande matematica, una rockstar.
Tutto, Tutto quello che vuoi.
Puoi stirare se ti piace farlo, puoi montare mobili se ti piace farlo, puoi cucinare o guidare un elicottero.
Tu sei libera, libera di vestirti come vuoi, libera di amare chi vuoi, libera di aspirare al meglio, libera di sposarti e avere figli se vuoi o di mettere al primo posto la carriera se vuoi.
E non solo tu, tutte le tue amiche, tutte le nuove nate, tutte le donne.
Ecco perché è ancora importante questo giorno perché bisogna continuare a lottare e a battersi perché le donne possano fare tutto, essere libere di essere tutto con le stesse possibilità degli uomini.

Fammi sapere la tua opinione!